modena
cronaca

Discoteche e bar del “socio” occulto dei Bianchini

Nell’udienza di ieri sono stati sentiti dal Tribunale i carabinieri del reparto investigativo di Parma, per esaminare le infiltrazioni del clan emiliano di ’ndrangheta in quel territorio. È così...


12 aprile 2017


Nell’udienza di ieri sono stati sentiti dal Tribunale i carabinieri del reparto investigativo di Parma, per esaminare le infiltrazioni del clan emiliano di ’ndrangheta in quel territorio. È così emerso il ruolo di capo di Michele Bolognino, che gestiva bar ristoranti, night e discoteche senza mai figurare come tale, spalleggiato da alcuni altri volti noti dell’inchiesta, tra i quali il figlio. Bolognino - è noto - è considerato anche “socio” occulto dei Bianchini, nella ricostruzione post sisma.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.