modena
cronaca

Asili nido a Modena, restano fuori 4 bimbi su 10: gli esclusi sperano nelle rinunce

Pubblicata la graduatoria per i posti comunali: l’83% degli ammessi potrà frequentare una delle due strutture “preferite”


17 giugno 2021 Luca Gardinale


MODENA. Di buono, per chi è rimasto fuori, c’è che il tasso di rinunce supera il 20%, e di conseguenza c’è ancora un buon margine per essere riammessi. Per gli altri, per quel 62% che ha centrato l’ammissione, c’è anche un altro vantaggio: più di 8 su 10 avranno non solo il posto al nido, ma anche una delle due strutture “preferite”. Risolta la pratica più complicata - il passaggio alla Fondazione Cresciamo di due nidi e due materne - il Comune di Modena ha pubblicato ieri le graduatorie di ammissione ai servizi 0-3 anni comunali, della Fondazione o privati convenzionati.

Partendo dai numeri, quest’anno le domande sono state 1.197 (oltre cento in più del 2020, quando erano state 1.089), di cui 215 relative a bambini nati nel 2021, 587 per i nati nel 2020 e 395 per bimbi del 2019. I posti attualmente assegnati sono 739 - 40 sono ancora disponibili - il che significa che 62 bimbi su 100 sono stati ammessi, mentre 38 sono rimasti fuori dalla graduatoria.

Dati consultabili sul sito del Comune, all’indirizzo http://www.comune.modena.it/servizi/educazione-e-formazione, dove le famiglie che hanno presentato domanda per il nido per l’anno educativo 2021-22 possono verificare la posizione in graduatoria.

Domande in aumento, dunque, ma anche una cinquantina di posti in più rispetto all’anno scorso: «L’alto numero di richieste - afferma l’assessore all’Istruzione Grazia Baracchi - conferma che il servizio è sempre più richiesto e l’importanza dei servizi educativi per sostenere le famiglie nella ripartenza post Covid».

Nel 2020, invece, oltre a un’iniziale diminuzione delle domande rispetto agli anni precedenti, non tutti i posti che si erano via via liberati nei primi mesi per effetto delle rinunce sono stati poi occupati. «Continueremo pertanto a muoverci anche all’interno del sistema di accreditamento regionale - prosegue l’assessore - per dare maggiori risposte alle famiglie sia in termini quantitativi sia in termini di innovazione, organizzazione e flessibilità, che è quanto ci chiedono i genitori, attraverso tutto il sistema integrato dell’offerta educativa».

Tornando ai numeri, sui 739 bimbi ammessi, ben 613 frequenteranno le scuole indicate nel bando come prima o seconda scelta, e in particolare 480 entrano nel nido indicato dai genitori come “preferito” e 133 in quello indicato come seconda scelta, dunque quasi l’83% dei bambini accolti frequenterà le strutture preferite.

Alle famiglie che non hanno ottenuto l’assegnazione verranno offerti i posti rimasti liberi e quelli che si renderanno via via disponibili in caso di rinunce, che mediamente raggiungono il 22%. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.