modena
cronaca

La scrittrice sassolese Prampolini: «Rovinata dalla truffa, ora dovrà risarcirmi»

«Gli ho affidato tutti i miei risparmi. Presto la prima udienza ma per noi vittime è solo l’inizio»


03 marzo 2022 Carlo Gregori


Sassuolo.  Il 29 marzo si terrà in tribunale a Roma il primo atto del caso Bochicchio, soldi spariti dietro finti investimenti per un valore di mezzo miliardo ad opera di un sedicente promotore finanziario internazionale. Soldi che bruciano agli investitori in buona fede: un lungo elenco che comprende stelle del calcio come El Saarawi o Conte e persone normali come la sassolese Barbara Prampolini. E proprio lei, seguita come parte offesa dall’avvocato modenese Guido Sola dello studio Sc Avvocato Associati, attende l’esito di questa prima udienza: un processo con rito immediato che vede Massimo Bochicchio, 56enne, ora agli ai domiciliari a Roma, con l’accusa di esercizio abusivo della professione di consulente e gestore finanziario. «È solo un primo passo – spiega Barbara - speriamo che porti chiarezza e al recupero di almeno di una parte del maltolto. E’ una vicenda ancora piena di lati oscuri da portare alla luce. Speriamo che arrivino altri passi velocemente. Io, che mi ritengo vittima grave, dato che questa truffa mi ha cambiato la vita, confido nella giustizia».

Barbara ha perso quasi tutto il suo patrimonio e si parla di cifre a sei zeri per un investimento risalente al 2011 suggerito dall' ex marito, un importante professionista bolognese. Ricorda: «Tutto parte quando Facebook si quota in borsa. Prima della offerta al pubblico delle azioni in Borsa, vengono emesse ed assegnate azioni di classe “B “ad un gruppo ristretto di sottoscrittori internazionali selezionati. Una fetta di queste azioni viene riservata, così allora pareva, alla società di gestione Kidman Asset Management di Londra, il cui amministratore e cofondatore era Bochicchio insieme all’ex patron di Cisa serrature Rodolfo Errani, amico del mio ex marito». Bochicchio ed Errani a loro volta offrono il plafond ai loro migliori clienti per la sottoscrizione. Nel settembre 2011 il marito le parla di questo “affare”, le dice che Errani ha sottoscritto azioni per centinaia di milioni, che sono destinate ad aumentare di prezzo, che anche lui stesso ne aveva acquistate e quindi la invoglia a sottoscriverne un certo numero. Per la fiducia che aveva in Barbara invia il denaro alla fiduciaria del suo ex marito il quale a sua volte avrebbe inviato i soldi alla Kidman per perfezionare la sottoscrizione. Da quel momento in poi Barbara si interessa direttamente solo di controllare la quotazione su internet perché a tutti gli adempimenti pensava la fiduciaria nella persona dell’allora marito. Ma nel 2016 Barbara si separa dal marito e decide di eliminare l’interposizione della fiduciaria SIFIR e, tramite una conoscenza, entra in contatto con Bochicchio col quale instaura un rapporto diretto.

Dal 2016 al 2020 le quotazioni di Facebook sono sempre salite e ad un certo punto Barbara decide di liquidare il patrimonio anche per difficoltà nel contatto con il Bochicchio che si rendeva sempre più latitante. L’operazione sembra perfezionata ma i denari non arrivano e iniziano a sorgere ii primi dubbi. Ma nell’agosto 2020 un articolo di giornale porta alla luce l’incredibile sparizione di una enorme massa di denaro investito oggi valutata in 500-600 milioni, nella quale ci sono i anche risparmi di Barbara. Bochicchio? «Sparito. Non mi ha mai più risposto. E così pian piano è emerso addirittura che non aveva nessuna autorizzazione per investire e fare transazioni. Tutto il mio patrimonio è andato in fumo». Lo scorso luglio Bochicchio - risultato radiato dalla Consob già negli anni ‘80 per firme false – è stato arrestato in Indonesia, e da allora è ai domiciliari in Italia. Le Procure di Milano e Roma hanno sequestrato solo 80 milioni, una piccola parte. Il processo del 29 marzo è un primo passo: seguirà il procedimento per truffa e appropriazione indebita.
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.