modena
cronaca

Castelnuovo, una piscina ogni ventuno famiglie: benvenuti nell’acquapark di Montale

La frazione vista da Google Earth è caratterizzata dalle acque azzurre: si contano un’ottantina di vasche 


08 marzo 2022 Enrico Ballotti


CASTELNUOVO. Le tonde e le più classiche rettangolari. Con forme strane, magari ovali. Grandi, grandissime, qualcuna anche più piccola e ridotta. Spesso vicine, a volte quasi un tutt’uno.

Di cosa stiamo parlando? Di una nutrita schiera di piscine. Non piscine qualsiasi, ma proprio di quelle che trovano spazio nelle aree verdi private di Montale. Non è una novità, la frazione di Castelnuovo è da sempre considerata come il quartiere Parioli della provincia di Modena. Lì hanno le loro case, spesso ville evidentemente, imprenditori e calciatori. Insomma, personaggi noti e facoltosi.

Basta così collegarsi a internet per capire in che modo queste piscine vadano a caratterizzare Montale. Come? Utilizzando Google Earth che, come noto, dà la possibilità di gustarsi dall’alto tutto il nostro pianeta. Zoomando sulla frazione di Castelnuovo il gioco è fatto. Un mare di piscine, perdonate il gioco di parole, popolano l’intera area. Sono quelle dalle forme particolari che dicevamo prima. Una “macchia” azzurra qui e una “macchia” azzurra là. La visione è davvero curiosa e particolare, l’effetto è unico e strano.

L’esercizio che segue è scontato: provare a contare queste vasche. Azione non semplice, ma una prima stima è presto servita e si aggira attorno alle ottanta costruzioni. Ottanta piscine private, un gigantesco parco acquatico che sulla carta potrebbe servire 4.046 persone: gli abitati di Montale. I nuclei famigliari montalesi, secondo un dato recente, sono invece 1688. Ergo: una piscina ogni 21 famiglie della frazione. Niente male, è come avere un acquapark, anche bello grande, sotto casa. L’esempio pratico è presto servito, anche in questo caso sono i numeri a parlare. Prendiamo, giusto per gradire, il parco acquatico Le Vele, il più grande d’Italia. L’enorme impianto di San Gervasio bresciano, ovviamente in provincia di Brescia, può contare su qualcosa come undici bellissime vasche a disposizione degli utenti che, in estate, popolano un’area di 200mila metri quadrati.

Ecco, perdonateci il paragone, ma è troppo interessante. A confronto vanno i particolari dati raccolti fino a questo punto. La struttura più grande in Italia: 11 piscine in 200mila metri quadrati. Montale, nel comune di Castelnuovo: un’ottantina di piscine, il conteggio è “spannometrico”, nel cuore della frazione. Così nasce il mega parco acquatico (ipotetico, ci mancherebbe) vicino a Modena.

L’invidia verso chi può godere dell’acqua limpida delle vasche di Montale è una conseguenza naturale. L’Hollywood gialloblù doveva per forza essere nel territorio di Castelnuovo. Pure in questo caso sono i numeri a dare le spiegazioni corrette. Basta dare un occhio al Pil del comune, il calcolo si riferisce allo scorso anno, per scoprire che proprio Castelnuovo è il territorio più ricco della provincia. Gli 11.370 contribuenti castelnovesi hanno fatto segnare, a inizio 2021, un reddito imponibile pari a 26.261 euro pro capite. Al secondo posto in questa speciale graduatoria c’è il capoluogo, Modena, con 140.538 dichiarazioni e 25.396 euro pro capite. Terza, guarda un po’, Formigine (26.198 contribuenti, 24.626 euro di reddito pro capite) che nell’800 poteva contare pure su Montale tra le proprie frazioni.

Già Montale, il paesino delle piscine. Per ulteriori informazioni basta un click su Google Earth.


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.