modena
cronaca

Modena, Plastic Free fa il pieno al parco Amendola: 400 studenti e genitori ripuliscono il quartiere

L’associazione ha organizzato la raccolta con l’Istituto Comprensivo 6 Gli ambientalisti mettono in guardia dalle truffe dei finti volontari  


01 maggio 2022


MODENA. E chi se lo sarebbe immaginato che l’attività di “plogging” (pratica di origine svedese che consiste nel raccogliere i rifiuti che si trovano per strada mentre si fa jogging o si cammina) avrebbe riscosso così successo tra gli alunni dell’Istituto comprensivo 6 di Modena. In quasi 400, tra fanciulli e genitori si sono ritrovati ieri mattina davanti alle scuole Lanfranco per aderire all'attività di salvaguardia ambientale proposta dall'associazione Plastic Free, organizzazione di volontariato internazionale che ha l’obiettivo di informare e sensibilizzare più persone possibili per un mondo libero da plastica. Così, dopo una rapida divisione in squadre e l'aver ritirato molle raccogli-rifiuti e sacchi di plastica di colore diverso per differenziare, è iniziata la raccolta nel parco Amendola e nelle vie del quartiere.



«Siamo piacevolmente stupiti- ha affermato Matteo Cimitan, referente Plastic Free per la provincia di Modena – non ci saremmo mai aspettati una partecipazione così sentita. Questo è un ottimo segnale che ancora una volta ci conferma la sensibilità nei confronti dell’ambiente delle nuove generazioni. L’attività costituisce un esempio positivo per tutti i cittadini: tenere pulita la nostra città è dovere di tutti».

Così tra sorrisi, chiacchiere e tanta allegria, le numerose squadre, si sono messe a caccia di mozziconi di sigarette, mascherine usate, bottigliette di plastica, vetro, cartacce, involucri e tappi in plastica, ponendo molta attenzione alla differenziazione già in fase di raccolta, per poter poi accumulare più punti possibile e aggiudicarsi la vittoria come migliore squadra di plogging del Comprensivo 6. «Abbiamo pensato di assegnare un punteggio maggiore ai tappi in plastica – specifica Emilio Galavotti, responsabile di Plastic Free Modena- per far capire ai ragazzi quanti ce ne sono dispersi nell’ambiente e quanti danni possono arrecare.

Tra le segnalazioni di Plastic Free anche quella di stare in guardia a finti ambientalisti che chiedono generalità e foto ai volontari: questa pratica è stata segnalata alla polizia postale temendo furti di identità.

Ma il clou della giornata è rappresentato dalla raccolta tra i ragazzi delle scuole. «L’attività ambientale era già partita nella giornata di venerdì quando tutte le scuole del comprensivo hanno svolto la giornata civica dal titolo “La nostra impronta sulla terra” incentrata sui temi della sostenibilità- ha ricordato l’insegnante Daniela Vignocchi- i referenti provinciali di Plastic Free sono venuti a scuola per tenere alcune attività di sensibilizzazione e poi hanno invitato gli alunni all’attività di plogging». Entusiasti della mattinata anche i tanti genitori presenti: «Abbiamo incentivato i nostri figli a partecipare all'iniziativa in primo luogo perché riteniamo che solo toccando con mano e provando fatica nel raccogliere i rifiuti si possono rendere conto di cosa significa tenere pulito l’ambiente è un’ottima attività di socializzazione in presenza, in alternativa all’ozio del weekend con cellulari e tablet in mano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.