modena
cronaca

Marano, anziana derubata nel cortile di casa: «Così le hanno strappato la collana»

La ladra si è finta amica della nipote e le si è avventata contro


18 maggio 2022


«Signora, sono amica di sua nipote...». Con queste parole è iniziato il piano di una ladra, un piano che purtroppo è andato in porto nella mattinata di ieri. Siamo a Marano, in via Martiri della Libertà. La zona, parecchio tranquilla, è caratterizzata da diverse palazzine che si affacciano sulla strada. Nel cortile di una di queste c’è una signora, si sta adoperando a sistemare l’orto. Una prassi, un’abitudine quotidiana. All’improvviso si sente chiamare, all’interno del cortile c’è anche un’altra donna che le chiede della nipote, prova ad avvicinarsi. Lo stratagemma è ormai entrato nel vivo: una frazione di secondo, un attimo, e questa persona strappa la collana d’oro dal collo dell’incredula anziana. Quindi si dà alla fuga. Non bastano le urla della maranese, la giovane è ormai lontana. Oltre il cancello.

Chi racconta quanto successo è proprio la nipote: «La nonna si è molto spaventata, per fortuna la ladra non gli ha fatto del male. Di fatto si è avvicinata, le ha messo una mano attorno al collo come per abbracciarla e poi, in un momento, le ha portato via la collanina d’oro. Come è facile immaginare il valore economico non è importate, conta molto di più quello affettivo. Subito abbiamo chiamato i carabinieri per denunciare il fattaccio». Ecco, dunque, il dettaglio di quei concitati minuti: «Questa persona è entrata nel cortile e con tutta probabilità ha per prima cosa controllato i nomi sul campanello. Poi ha chiesto di parlare con mia nonna dicendole di conoscermi, guarda caso sapeva come mi chiamo... Voleva che io la aiutassi, che le cercassi lavoro. Più o meno sono state queste le richieste fatte alla nonna». In questo modo, la ladra è riuscita ad avvicinarsi all’anziana: «Nonostante la nonna cercasse di tenerla a distanza, la ragazza è riuscita a strapparle la collanina. Sicuramente deve essere stata la frazione di un secondo. Nonna ha iniziato a urlare attirando anche l’attenzione dei vicini, di quelle persone che a loro volta si trovavano del cortile del palazzo. Purtroppo, però, troppo tardi. La ladra, di corsa, era già uscita dall’area condominiale e si era dileguata chissà dove».l

E.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.