modena
cronaca

Modena Cercano di picchiarlo e lui si rifugia nell’asilo

L'uomo irrompe all'interno del giardino: fermato alla polizia


19 maggio 2022


Un uomo che tutt’a un tratto scavalca la rete di recinzione e si rifugia nel giardino di un asilo per cercare rifugio dai suoi inseguitori.

È accaduto ieri mattina in una scuola d’infanzia situata in via Fanti, zona Sacca. Erano le 11 circa: tra l’incredulità delle insegnanti, l’uomo è entrato nel cortile in stato di visibile apprensione. Non era mai accaduto prima: l’uomo è stato subito avvicinato da una delle maestre, che lo ha stoppato, mentre le altre insegnanti portavano i bimbi che si trovavano fuori all’interno dell’edificio, in modo che non si spaventassero. Di per sé l’uomo non si è presentato affatto in modo aggressivo, nonostante l’irruzione: ha detto di stare scappando da qualcuno che lo voleva picchiare, e di cercare un luogo di riparo in attesa dell’intervento della polizia.

Da quanto è emerso, l’uomo avrebbe avuto un litigio con altre persone poco prima davanti alla coop di via Canaletto. Scappando da loro, non si sa bene per quali motivi, è arrivato alla scuola e ha pensato che lì sarebbe stato al sicuro. Ovviamente il personale, tenendolo a distanza, ha chiamato subito il 113: «Gli abbiamo intimato di fermarsi, di stare lontano dalla scuola dicendogli che sarebbe arrivata la polizia – spiega la direttrice della scuola – e lui non ha battuto ciglio: sembrava proprio che volesse l’arrivo degli agenti. Non si è mosso di lì, ma è stata comunque questione di due minuti: gli agenti sono arrivati subito». Hanno parlato con l’uomo e poi sono andati via con lui, per sottoporlo ad accertamenti in questura.

Tutto senza conseguenze dunque, ma l’accaduto ha lasciato il segno nella mattinata, anche se per fortuna sembra che i bimbi non si siano resi conto di nulla: «L’insegnante è stata molto brava a portarli dentro subito – continua la direttrice – non si sono accorti di nulla tanto che dopo a pranzo nessuno di loro ha fatto riferimento a quell’episodio. Del resto, loro si trovavano dalla parte del giardino opposta a quella in cui l’uomo aveva fatto irruzione, e non se ne sono praticamente accorti».

Ovviamente sono stati informati subito i genitori di quello che era successo: «Abbiamo contattato tutti, rassicurandoli sul fatto che l’imprevisto era stato gestito con la massima calma ed era durato pochissimo. Il tutto è stato molto apprezzato: hanno capito tutti la totale imprevedibilità del fatto in questione, grati per come era stato gestito mettendo subito al riparo i bimbi». Dalla direttrice anche un sentito ringraziamento alla polizia: «Gli agenti sono arrivati davvero in pochissimi minuti, affrontando la situazione con grande delicatezza – sottolinea – ci teniamo tutti a ringraziarli per la professionalità dimostrata».l

D.M.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.