modena
cronaca

Fuma, beve ed è un po’ sovrappeso Così è a rischio un modenese su 4

I dati Ausl dello studio Passi: l’incidenza dei vizi raddoppia tra gli over 70


23 maggio 2022 di Enrico Ballotti


MODENA. Fumatori? Sì, troppo. Bevitori? Certo. Sedentari? Anche, ma forse non in maniera eccessiva. E sovrappeso? Pure questo. Il quadro dei “fattori di rischio comportamentali”, i vizi, dei modenesi è più o meno servito. Forse è semplificare, ma a sostegno arrivano puntuali i dati dell’Ausl dello studio Passi. Una fotografia che mette a confronto la situazione della nostra provincia con quella dell’intera regione e, più in generale, del Paese. I grafici, realizzati dal dottor Giuliano Carrozzi, riportano dunque quello che è il quadro completo dei “vizi”.

Basta una lettura veloce per capire che per quanto riguarda il fumo non ce la caviamo per niente bene, purtroppo. Già, perché il 25% dei modenesi tra i 18 e i 69 anni fuma. I coetanei dell’Emilia Romagna sono il 26% (poco di più), nel resto d’Italia invece il dato è fermo al “nostro” 25%. Una tendenza, questa, che si ripete anche cambiando il bacino di utenza. Gli over 70 modenesi fumatori sono il 10%, emiliano romagnoli 9%, italiani in generale 8%. Tradotto: i “vecchietti” visitano le tabaccherie più volte dei colleghi fuori provincia.

Si cambia capitolo. Dici Modena, pensi al lambrusco. Una terra dove, confermerà anche Carrozzi, il vino è alimento. Per questo i dati, in particolare quelli relativi ai più anzianotti, sono decisamente curiosi. Ancora di percentuali si parla, prima la porzione dei maggiorenni che arriva fino ai 69 anni: il consumo di alcol è un fattore di rischio per il 24% dei modenesi contro il 24% che si riferisce al dato regionale e solo il 16% che invece riguarda l’intera nazionale. Ma la forbice diventa ancora più ampia tra la popolazione che ha superato i 70anni: Modena 25%, Emilia Romagna 21%, Italia 17%.

Infine la sedentarietà. I sedentari modenesi sono il 17% (tra 18 e 69 anni), quelli dell’intera nazione schizzano addirittura al 31%. Un rapporto che resta simile, anche se meno accentuato, per gli over 70. Per chiudere non resta che chiedersi quali siano le percentuali riguardanti la compresenza di fattori di rischio: il 28% ne ha più di tre insieme tra la popolazione 18-69, addirittura il 42% tra gli over 70. Altra domanda: in quanti, invece, possono vantarsi di non essere inclusi in nessuna delle categorie “fumatori”, “bevitori di alcolici”, “sovrappeso”, “sedentari”, “obesi” e “poco avvezzi a consumare frutta e verdura”? Chi conduce una vita sanissima e non è dunque a rischio è solo il 3% dei modenesi dai 18 a 69 anni e appena il 2% sopra i 70anni.l


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.