modena
cronaca

Modena, a San Faustino il commosso addio alla bimba di 3 anni «Rejoice, resterà il tuo sorriso»

Il commosso addio alla bambina di 3 anni tragicamente caduta dal balcone di casa Mamma Mary: «Grazie alla comunità modenese, abbiamo sentito tanta vicinanza»


29 maggio 2022




MODENA «Mary, la mamma di Rejoice, voleva ringraziavi. Ci teneva a dire grazie a tutta la comunità. Ha sentito la vicinanza della città, della parrocchia, di chi vuole bene a lei e alla sua famiglia».



Chi parla è un amico di Mary. La mamma della piccola Rejoice, la bambina di 3 anni tragicamente caduta dal balcone di casa, non è presente al funerale. Rispetta le tradizioni della sua cultura, ma alla chiesa dei Santi Faustino e Giovita di via Giardini ci sono i fratellini della piccola. Ci sono i famigliari, le mamme e i papà dei compagni dell’asilo nido Cipì. Ci sono le tate, e proprio una di loro prende la parola. È commossa, non potrebbe essere altrimenti: «Resterai nelle tue treccine, nei tuoi balli e nel tuo sorriso. Resterai in quel “I love you baby”, che mamma Mary ti ripeteva ogni mattina prima di affidarti a noi. Resterai negli alberi che cresceranno nel cortile dell’asilo, nelle farfalle...».



Le duecento persone presenti ascoltano, gli occhi lucidi sono nascosti dietro gli occhiali da sole che in tanti utilizzano, i volti scuri e addolorati sono “protetti” dalle mascherine.

Le mamme dei compagni dell’asilo sono le più colpite, raccontano del sorriso di Rejoice, di quel sorriso che accompagna le foto scattate durante le spensierate mattinate trascorse al nido Cipì. All’uscita della chiesa sono loro, le mamme, a lasciare andare in cielo dei palloncini bianchi. Tutti bianchi tranne uno, è rosa. Rosa come il vestito che la piccola indossa nella foto ricordo, in tanti la stringono tra le mani. Nel retro c’è una frase, è in inglese: “My joy. I Will forever love you”. Vuole dire: “La mia gioia. Ti amerò per sempre”.

«Rimarrai nei nostri pensieri, l’Italia ti vuole bene, la terra dell’Africa ti vuole bene»: queste le parole che, tra le altre, arrivano dall’altare.

Già, perché durante la messa, presieduta da Don Guido, sono tante le testimonianze, le parole di affetto che idealmente abbracciano mamma Mary. Il parroco è particolarmente toccato dalla tragedia, dice: «Veglia su di noi Rejoice, sui tuoi fratelli, sulla tua mamma. Su tuo padre che ora incontrerai».

Scosso anche il sindaco Gian Carlo Muzzarelli che è presente al funerale. Al termine del rito si mette in disparte, appoggiato con le mani a un muretto scruta il vuoto mentre i palloncini, quelli bianchi e rosa, volano in cielo. «Sono qui per far sentire alla famiglia la vicinanza della comunità modenese, non fatemi dire altro in questo momento così doloroso», ecco le uniche parole del primo cittadino che si accomoda ai primi banchi con l’assessore Grazia Baracchi.

Seduti a poca distanza, anche loro nei primi banchi, ci sono i ragazzi della Young Boys Cognentese. Sono vestiti tutti uguale, indossano la divisa della squadra. Accompagnati dagli allenatori sono alla chiesa di via Giardini per stare, a loro volta, vicini ai fratelli di Rejoice. Giocano insieme a pallone e hanno portato un fiore bianco. Bianco come la piccola bara che accompagna Rejoice, come quei palloncini già più volte citati e come i guanti del personale delle Onoranze funebri Gibellini, il titolare Gianni Gibellini ha donato il funerale alla famiglia. In tanti stanno dando il loro contributo in queste ore. Un sostegno proprio in memoria della piccola Rejoice Bellow al codice Iban IT08R0760102400001014796609, intestato a Mary Uhunoma. l


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.