modena
cronaca

Modena Maturità 2022 «Viva gli scritti, era giusto essere in presenza» E insieme ai maturandi arrivano anche i genitori

L’attesa fuori da scuola, l’emozione per il debutto e la consapevolezza dei compagni «Le tracce erano fattibili». E i prof: «Si può dire che è stato un momento storico»


23 giugno 2022


Vocabolari sotto il braccio, zainetto semi vuoto in spalla e tanta, tanta emozione che trapelava dagli sguardi. Così è iniziata ieri mattina la prima maturità “post Covid” (se la si può definire tale), con il ritorno delle due prove scritte in presenza (italiano uguale per tutti e la seconda prova di indirizzo). «Quando abbiamo saputo che sarebbero tornati gli scritti subito ci siamo sentiti decisamente “sfigati” – dice ridendo Caterina Gabrietti, rilassata, ad esame finito sulla porta d'uscita del liceo Wiligelmo di Modena- poi però oggi credo di aver cambiato idea. Effettivamente i due anni appena passati sono stati un’anomalia, parlando con amici più grandi e con i miei genitori ho capito che fare la maturità significava anche questo. Sicuramente una palestra necessaria per poter poi affrontare al meglio situazioni sempre più dure che ci riserverà l'università, il mondo del lavoro ma soprattutto la vita».

Nelle superiori modenesi in linea di massima i ragazzi hanno cominciato ad uscire dalle aule di esame da mezzogiorno in poi, la maggior parte di loro con volti sereni, sorridenti e decisamente soddisfatti mentre si scambiavano sorrisi e opinioni condividendo la scelta della traccia del tema . «Tracce assolutamente fattibili – commentano Manuel Michelini e Nicolas Pancaldi del Corni Tecnico- a nostro avviso chiare e ben formulate con una varietà di argomenti tale che era praticamente impossibile non trovare qualcosa di proprio interesse. Tra i più gettonati internet e i social, i cambiamenti climatici e la necessità di scelte più sostenibili, ma anche il valore e l’importanza della musica così come la Shoa e la pandemia. Immancabili Verga e una poesia di Pascoli. Ho argomentato la mia riflessione focalizzandomi sulle leggi razziali– racconta Gaia Giannuzzi maturanda al Wiligelmo- sia perché è un argomento che abbiamo sviluppato approfonditamente in classe sia perché mi sta molto a cuore e ahimè continua ad essere di estrema attualità. Sono soddisfatta per come è andata questa prima prova d'esame: la traccia del tema mi ha dato l’opportunità da una parte di esprimere le conoscenze acquisite attraverso lo studio della storia ma dall'altro di esprimere le mie opinioni. Sulla validità delle tracce e sulla positività del ritorno degli scritti si sono espressi anche i docenti presenti nelle commissioni. «Dopo due anni di pandemia in cui si è fatto il meglio che si poteva credo che oggi si stia vivendo un altro importante momento significativo e storico – sottolinea il professor Luca Righi, vice preside del Istituto Selmi di Modena- non c’è nulla da togliere alla maturità dei due anni passati ma non possiamo negare che finalmente la si ritorna a vivere con tutti i sacri crismi che deve possedere un importante esame di Stato».

Il professore si è espresso in modo favorevole anche riguardo al consiglio di mantenere la mascherina durante gli scritti: «E’ una garanzia di sicurezza in più. Il Covid non è sparito e rischiare di contagiarsi durante l’esame metterebbe a rischio poi l’orale in presenza e questo sarebbe un vero peccato».

Infine, in trepidante attesa fuori dalle scuole vi erano ovviamente i genitori che per stemprare l’ansia (molta di più di quella dei ragazzi) ricordavano tra loro l’indimenticabile esperienza personale della propria maturità. «Una cosa mi dispiace davvero tanto – ha concluso un papà – se pensiamo ai nostri ultimi anni di scuola superiore riaffiorano ricordi di spensieratezza, gite scolastiche all’estero e feste. Per i nostri ragazzi tutto questo non è stato possibile, ma ora speriamo che possano recuperare perché con quello che hanno vissuto decisamente se lo meritano».l

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.