Sanità

Modena. Fuoco di Sant’Antonio Ripartono i vaccini gratuiti con l’Ausl

Modena. Fuoco di Sant’Antonio Ripartono i vaccini gratuiti con l’Ausl

Chiamata per i nati nel ’58, ma si può richiedere

18 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Ripartono le sedute gratuite per vaccinarsi contro l’Herpes Zoster, conosciuto più comunemente come Fuoco di Sant’Antonio.

La nuova campagna dell’Azienda Usl di Modena è rivolta alle persone nate dal 1/1/1958 al 31/12/1958 non vaccinate in precedenza.

L’Ausl invierà ai propri assistiti che sono nati nel 1958, un Sms con l’indicazione di giorno, orario e sede presso cui presentarsi per eseguire la vaccinazione. La convocazione delle persone destinatarie della vaccinazione avverrà in maniera progressiva. Chi non dovesse ricevere subito l'Sms dell'Ausl è invitato ad attendere il messaggio.

La vaccinazione contro l’Herpes Zoster viene offerta gratuitamente anche alle seguenti categorie di persone: persone nate dal 1/1/1952 al 31/12/1957 mai vaccinate in precedenza contro l’herpes zoster. Alle persone affette da specifiche patologie croniche: diabete mellito, patologia cardiovascolari (esclusa la sola ipertensione), broncopneumopatia cronico ostruttiva (Bpco). Alle persone destinate a terapia immunosoppressiva.

Chi rientra in una delle categorie sopra indicate può prenotare chiamando il numero verde 800 90 90 41, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 14.

Il giorno della vaccinazione è necessario portare tutta la documentazione sanitaria attestante le patologie e l’elenco dei farmaci assunti in terapia continuativa.

E’ possibile prenotare la vaccinazione anche come: “Vaccinazioni generiche” con le seguenti modalità: online tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico o tramite la App "ER Salute"; al numero verde 800 239123; nelle farmacie di Modena e provincia; nei corner salute Coop Allenza 3.0 della provincia.

L'Herpes Zoster, conosciuto anche come Fuoco di Sant'Antonio, è una malattia molto comune (circa una persona su quattro sviluppa un episodio nel corso della vita) e la sua frequenza aumenta con l’età.

È provocato dalla riattivazione del virus della varicella che, dopo la malattia, non viene eliminato ma rimane latente nel nostro sistema nervoso e può riattivarsi e manifestarsi in un qualsiasi momento soprattutto negli anziani e in chi ha il sistema immunitario debilitato.

Le manifestazioni cutanee della malattia prevedono la comparsa di vescicole localizzate molto dolorose; la complicanza più comune è rappresentata dalla nevralgia post-erpetica: una sindrome dolorosa cronica che può durare mesi o, addirittura, anni dopo la guarigione delle lesioni cutanee.

Il vaccino riduce il rischio di sviluppare l’Herpes Zoster e soprattutto protegge dalla nevralgia post-erpetica.

Tutte le informazioni sulla malattia e la documentazione necessaria per il giorno della vaccinazione sono disponibili all’indirizzo specifico sul sito dell’azienda sanitaria Ausl.l

© RIPRODUZIONE RISERVATA