tempo-libero

Vasco Rossi canta a Imola e presta il palco ai modenesi Ologramma

Il gruppo modenese proporrà un medley pop rock e due brani del Kom «Non stiamo più nella pelle. Attendiamo questo momento da due anni»


28 maggio 2022 Elena Pelloni




Imola Gli Ologramma apriranno niente di meno che il concerto di Vasco, stasera a Imola, terza tappa del tour del cantante di Zocca. Uno degli eventi più attesi di questa estate emiliana-romagnola, per il quale sono stati staccati circa 80mila biglietti, molti dei quali proprio a Modena, da dove in migliaia stanno per mettersi in viaggio verso l’autodromo. «Quando ci hanno detto che avremmo suonato al concerto di Vasco a Imola non volevamo crederci. A darci la notizia è stato il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, mentre ci esibivamo per le commemorazioni della Giornata della Memoria».

A parlare è Roberta Frison, promotrice del progetto Ologramma, nato nel 2010 come gruppo misto corale e strumentale. L’obiettivo principale dell’orchestra è quello di creare inclusività attraverso la musica. Si compone attualmente di circa 40 elementi e fanno parte del gruppo sia ragazzi che presentano disabilità più o meno gravi, sia ragazzi che amano fare musica insieme e trovano in questo contesto uno spazio adeguato alla loro creatività. Oltre ai musicisti Ologramma è anche i suoi volontari, musicisti e musicoterapeuti. Era il 2020 quando il rocker di Zocca ha presentato l’invito agli Ologramma per aprire il suo concerto romagnolo, che si sarebbe dovuto tenere all’autodromo di Imola, il 26 giugno 2020. Ma la pandemia ha stravolto tutto.

«È da due anni che aspettiamo trepidanti di poter suonare prima di Vasco – spiega Frison – Siamo carichi come delle molle. E siamo ancora più emozionati a sentire la vicinanza e il coinvolgimento delle persone che ci scrivono da tutta Italia. Vasco ha annunciato la nostra partecipazione al suo concerto e siamo stati sommersi da messaggi che ci hanno riempito il cuore. Siamo pieni di energia, positività e voglia di esserci. È una grande opportunità quella di suonare sullo stesso palco di un numero uno. I ragazzi lo sentono e sono al settimo cielo».

In attesa che il tour di Vasco fosse riprogrammato, in questi due anni gli Ologramma non si sono mai fermati. Hanno partecipato a concerti importanti, suonando anche davanti a Papa Francesco. E in questo periodo il repertorio ha subito modifiche e variazioni ma per il concerto di stasera hanno preparato qualcosa di unico. «Ovviamente non possiamo svelare la scaletta – aggiunge Frison – Ma proporremo un medley pop-rock attingendo dal nostro repertorio. Oltre a cover e brani celebri. Per l’occasione però abbiamo deciso di arrangiare e riproporre due canzoni di Vasco che saranno orchestrate dai ragazzi. Gli elementi sul palco saranno circa cinquanta. Più di tutto vogliamo far passare il messaggio che la musica crea inclusione e che l’inclusione permette alle persone di conoscersi e vedersi più profondamente». Inoltre, il 5 giugno verrà proiettato in prima nazionale, al cinema Astra di Modena, la docufiction che racconta il progetto Ologramma. l
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.