Gazzetta di Modena

Sport

Modena calcio
Calcio Serie B

Santoro è tutto del Modena, a Massimo Paroli l’ufficio stampa

Santoro è tutto del Modena, a Massimo Paroli l’ufficio stampa

Il mercato del club canarino non riguarda solo i calciatori: oltre all’acquisto a titolo definitivo del centrocampista dal Perugia, dal Sassuolo arriva l’erede di Paolo Viganò per la comunicazione

12 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





MODENA. Mercato su più fronti per il Modena in vista della prossima stagione di Serie B, a partire dal più classico, cioè quello dei calciatori.

Il club canarino, infatti, ha esercitato il diritto di opzione previsto nell’accordo con il Perugia per Simone Santoro: dal 1° luglio, dunque, il centrocampista sarà acquistato a titolo definitivo dal Modena per una cifra che si aggira intorno ai 350mila euro.

«Il centrocampista – spiega la società di viale Monte Kosica in una nota ufficiale – si lega contrattualmente al Modena fino al 30 giugno 2026 con opzione, a favore del club, anche per la stagione 2026-27».

C’è una novità anche “dietro le quinte”: dopo l’addio di Paolo Viganò, il Modena ha scelto il 56enne fioranese Massimo Paroli come nuovo responsabile dell’ufficio stampa. Per 17 stagioni al Sassuolo, Paroli a breve debutterà nel nuovo incarico: si attende l’annuncio ufficiale. 

Le parole di Simone Santoro

Arrivato in gialloblù nel gennaio 2024, Santoro, nato il 15 settembre 1999, ha raccolto 15 presenze nella seconda parte della stagione, risultando sempre tra i migliori in campo. Volontà e personalità, duttilità tattica, applicazione e resistenza: queste le qualità che il centrocampista, siciliano di Messina, ha già messo in bella evidenza.

«Perugia è stata una tappa importante della mia carriera, ma da gennaio ho pensato e ho lottato solo per il Modena ed essere confermato era il mio obiettivo – ha dichiarato Santoro –. Ringrazio la famiglia Rivetti e tutta la società, darò tutto per ricambiare sul campo la fiducia dei dirigenti e dell’allenatore. Ora mi sto godendo la famiglia e un po’ di riposo, ma non vedo già l’ora di ritornare a indossare la maglia gialloblù».